In occasione del ventennale della morte di Paolo Menghi

Giornata di Studi della Società Italiana di Normodinamica, Roma 27 ottobre 2018

Introduzione alla giornata di studi e coordinamento a cura di Federica Cervini, presidente SIND

Vi do il benvenuto a questa giornata di studi, e vi ringrazio di essere venuti.

Nel chiederci, all’interno del Comitato Direttivo e nello scambio con i Formatori, che taglio dare a questa giornata, siamo partiti dalla semplice constatazione che la Normodinamica ha vissuto più anni senza il suo fondatore che anni insieme a lui.

Dal momento della nascita formale della Normodinamica, il 2 gennaio del ‘90, al momento della morte di Paolo Menghi, che è avvenuta il 9 agosto del ’98, sono intercorsi otto anni e mezzo. Dalla sua morte ad oggi ne sono passati venti, e dopo vent’anni la sua eredità è ancora sufficientemente viva perché abbia ancora senso, per tutti noi, incontrarci un sabato pomeriggio di ottobre e confrontarci su di essa: su un’eredità che definirei complessa, e dotata di una particolare energia vitale..

Interventi:

Individuo e sistema. Di Federica Cervini (scarica l’articolo in pdf)

La parola del corpo, il corpo della parola. Di Matilde Mattia (scarica l’articolo in pdf)

Testimoniare il proprio desiderio. Di Giuseppe Esposito (scarica l’articolo in pdf)

Paura-Desiderio-Volere. Contributi teorico-pratici alla prassi normodinamica. Di Angela Attianese, Marilella Faretra, Norma Gradara (scarica l’articolo in pdf)

Con i detenuti. Un’esperienza normodinamica tra servizio e relazione d’aiuto. Di Nicola Vitale, Stefania Merzagora, Valentina Cozzolino (scarica l’articolo in pdf)

Per una paideia Normodinamica. Di Antonio Ricci (scarica l’articolo in pdf)

Condividi